Il metodo di HiveValue lavora sull’ottimizzazione operativa, economica e finanziaria dell’impresa e sul suo obiettivo di creare valore, sviluppando e strutturando i quattro grandi fondamenti della gestione aziendale:

  • Il modello di business
  • La gestione dei rischi
  • La governance aziendale
  • La comunicazione finanziaria

Con questo metodo, che tiene conto delle specificità del sistema imprenditoriale italiano, HiveValue riesce a garantire alle Imprese e agli Imprenditori:

  • Un modello di business in grado di competere efficacemente nel rispetto del contesto competitivo e normativo oltrechè adeguato agli attuali sistemi di rilevazione bancari
  • Una valutazione e gestione continua dei rischi
  • Una governance strategica ed operativa che dia affidabilità all’execution
  • Una remunerazione adeguata degli investimenti dei diversi stakeholders
  • Una comunicazione efficace, puntuale e trasparente

La modalità di intervento di HiveValue permette alle Imprese e agli Imprenditori di strutturarsi massimizzando il valore totale per l’imprenditore, per i dipendenti, i creditori, le banche e tutti gli shareholder.

Il framework operativo, adattato perfettamente alla concreta situazione della singola impresa in termini di assetti, cultura e competenze, si basa su due step operativi:

  • Fase 1 – Assessment
  • Fase 2 – Action Plan

Fase 1 – ASSESSMENT

L’assessment opera sulla definizione dell’iniziale situazione aziendale rispetto ai 4 fondamenti identificati (modello di business, la gestione dei rischi, la governance e la comunicazione finanziaria) e si sintetizza in un report finale contenente l’action plan che l’azienda deve perseguire per riformare lo status quo.

Fase 2 – ACTION PLAN

HiveValue guida le Imprese nell’implementazione operativa dell’action plan, dettagliando gli ambiti e gli step definiti in fase di assessment.

Gli strumenti di valutazione e misurazione che HiveValue andrà ad analizzare in fase di assessment, saranno gli stessi che verranno potenziati in fase di action plan e il cui funzionamento ottimale è garanzia di continuità per l’Impresa, sia al fine della creazione del valore sia al fine di evitare eventuali insolvenze.

Considerando le molteplici variabili sia interne all’azienda che dell’ambiente esterno, HiveValue mette disposizione dell’impresa un ambiente di analisi di scenario con una dashboard di sintesi, costruita su misura per ogni impresa, in grado di consentire all’imprenditore e al management di assumere decisioni in modo tempestivo e adeguato.

Gli strumenti che seguono operano quindi all’interno di tale ambiente di simulazione e consentono analisi e valutazioni quantitative strettamente correlate agli aspetti qualitativi:

Costruzione di un business plan con la definizione degli obiettivi d’impresa (strategici, economico-finanziari ed operativi) e di un timing delle azioni per raggiungerli insieme all’elaborazione del budget, all’ identificazione dei rischi e le relative modalità per prevenirli ed affrontarli, alla definizione delle modalità e tempi di aggiornamento e di revisione dei vari piani.

Strutturazione di un sistema in grado di reagire tempestivamente all’eventuale emersione di una situazione di crisi sfruttando gli altri strumenti a disposizione dell’impresa per la rapida composizione della crisi.

Strutturazione di un sistema integrato di principi e di prassi di risk e corporate governance al fine di tenere sotto controllo l’organizzazione aziendale valutando e gestendo i vari rischi.

Implementazione di un sistema di previsione dei flussi di cassa netti mensili con un orizzonte temporale di 6-12 mesi in grado di verificare la capacità di far fronte alle obbligazioni esistenti e a quelle che si prevede potrebbero sorgere (entrate/uscite certe, previste e prospettiche).

Definizione di grandezze segnaletiche andamentali (indicatori contabili e extra contabili), in grado di identificare gli squilibri di carattere reddituale, patrimoniale e finanziario e definizione della procedura finalizzata all’azione proattiva di segnalazione delle anomalie rilevanti.

Realizzazione di un piano di comunicazione efficiente, efficace e proattivo targhettizzato sulle specifiche categorie di stakeholders (banche, investitori, etc.) in modo da ridurre costantemente le asimmetrie informative che si possono generare.